Un delirio di nome RE/MAX – parte 2

LA PRIMA PARTE QUI

Eravamo rimasti al giorno in cui avrei dovuto visitare due case col gentilissimo e disponibilissimo (a rompere i coglioni) agente immobiliare C.C.

Il giorno arriva e inizio con la prima delle due case, che è bella anche se il prezzo è altino. Ha una cameretta un po’ troppo piccola che non mi ispira tanto e, soprattutto, ha la portineria (vedi: spese di condominio alte).

Scendiamo e C.C.: “ALLORA ALESSIO, LA COMPRIAMO?”. Il mio cervello pensa “hai rotto il cazzo”, mentre la mia bocca dice “non saprei”.
Gli esprimo i miei dubbi (uno dei tanti: il parquet in cucina) e inizia a discutere con mio padre sulla questione portineria sì/portineria no. L’ipotesi rissa è ormai percepibile nell’aria ma è ora di vedere l’altra casa, così ci incamminiamo.
La seconda casa è grande, un 90mq con un parquet molto molto bello, anche se parecchio rovinato e scolorito.
Inizio a chiedermi se lucidandolo tornerebbe come nuovo quando C.C., in modo molto professionale, mi fa: “Alessio quanto costava questa?”. Io: “149.000” e lui sorridendo, con fare da spaccone: “Mica posso sapere le caratteristiche di tutte le case a memoria”. E beh, nel pomeriggio ne dovevi provare a vendere ben due, sai che fatica.
Poi fa a mia mamma: “sa, quando avevo appena cominciato a fare l’agente immobiliare imparavo tutto a memoria, dai prezzi alle spese. Poi ho capito che non serve a niente: prima vedo se il cliente è interessato, se lo è allora mi informo. Non ha senso imparare tutto senza motivo”.
Il fatto che sapere COSA STAI VENDENDO possa contribuire a creare interesse e a farti fare una figura migliore non devono mai averlo preoccupato. Intanto Mi faccio un altro giro per le stanze: bagno da rifare, cucina da rifare.

Scendiamo dall’appartamento e C.C. si fionda con una domanda. Indovinate quale? BRAVI.
“ALESSIO, LA COMPRIAMO?”.
Gli dico che ci sono un po’ di lavori da fare (“E FACCIAMOLI!”) e che devo quindi farmi due conti su quanto costerebbe, per vedere se starei nel budget prefissato.
Con fare scocciato inizia: “ALESSIO, IO CREDO TU DEBBA PRENDERE UNA DECISIONE. PERCHE’ NON SO TU, MA IO VORREI VIVERE UNA VITA SERENA, ARRIVARE A 50 ANNI, AVERE DEI FIGLI, PASSARE UNA VITA TRANQUILLA”. Gli dico: “Anche io, non ti preoccupare” con un filo di acidume che non credo colga e lui, imperterrito, cerca di convincermi nuovamente a comprare.

Arrivato il momento di congedarci mi fa: “ALLORA, TI CHIAMO DOMANI PER SAPERE COS’HAI DECISO?”. Lo guardo allucinato. “ALLORA, TI CHIAMO DOMANI?”, ripete sgranando gli occhi, come fosse OVVIO che domani dovrò aver già deciso. “Guarda, domani è un po’ presto”, gli dico. Lui: “TI CHIAMO DOPODOMANI?”. “Ok, se poi non ho deciso ti dico che non ho deciso”. Lui: “OK. A DOPODOMANI”.

Aspetto un giorno, due giorni. Intanto nella mia testa mi formo il discorso, niente di particolare: gli dirò che ancora non ho deciso, che sto guardando anche altre case e che mi farò sentire io. Che tra l’altro è la verità.
Il terzo giorno mi chiama e io, ingenuamente, rispondo.

“CIAO ALESSIO!!!!” “Ciao.” “ALLORA, QUALE COMPRIAMO?”
“Mah guarda, le case erano interessanti, però sto valutando anche altre proposte…”.
Silenzio.
“PERCHE’?”.
“Perché voglio vedere anche altre case prima di decidere”.
Silenzio.
“PERCHE’!”.
“Perché mi sembra giusto vedere un po’ di case, non scegliere così di getto”. Silenzio.
“ALESSIO PARLIAMOCI CHIARO. IL TUO SCOPO QUAL E’: COMPRARE CASA O GUARDARE CASE?”.
“Comprare casa”. “AH ECCO, PERCHE’ NON MI SEMBRA.”
Ripeto in modo anche troppo calmo che essendo un investimento importante è quantomeno SENSATO non buttarsi a pesce sulle prime viste ma anzi, guardarne un po’. Mi sembra una cosa anche abbastanza ovvia.
“ALESSIO, TU MI AVEVI DATO UN LIMITE DI TEMPO DI UN MESE O DUE. TI FACCIO PRESENTE CHE SONO QUASI DUE SETTIMANE CHE CI CONOSCIAMO E NON HAI ANCORA DECISO NIENTE”.
(qui non ricordo cosa gli ho risposto perché, data l’importanza della telefonata, nel mentre stavo giocando a Metal Gear Rising).

Riparte all’attacco: “ALESSIO, HAI VISTO TRE CASE E MI HAI DETTO CHE TI PIACCIONO. COME MAI NON NE SCEGLI UNA, QUESTO VORREI CAPIRE” e io: “Guarda, ad esempio la terza casa, quella in cui ci sono un po’ di lavori da fare…ho chiesto a dei miei amici che abitano in quella via e mi hanno detto che trovare parcheggio lì è quasi impossibile, girano due ore ogni volta prima di trovarlo”. Silenzio.
“AH HO CAPITO. QUINDI ORA CI FIDIAMO ANCHE DEI PARERI DEGLI AMICI”. Non credevo più alle mie orecchie.
“Beh, se sono miei amici non avranno nessun interesse a dirmi cose non vere, no?”. Silenzio.
“AH NON LO SO. SONO TUOI AMICI, LO SAI TU”.
La telefonata, ormai delirante, si conclude con lui che mi dice che mi chiamerà venerdì per fissare un appuntamento. Questo perché vuole capire cosa non mi soddisfi del “lavoro svolto insieme”.
Da quel giorno ho direttamente bloccato il suo numero, sebbene sia molto pentito di non averlo mandato direttamente a fanculo via telefono. Quello è un rimorso che mi porterò dietro forever.

Annunci

11 pensieri su “Un delirio di nome RE/MAX – parte 2

  1. Ma questo tizio dev’essere licenziato, io non so come tu abbia fatto a mantenere una tale calma. io e la mia intolleranza avremmo agito diversamente e lui si ritroverebbe allegramente nel paese chiamato “quel” con tutte le scarpe e le sue domande di merda! Atroce!

  2. Un’esperienza… particolare… Certo sei riuscito a mantenere molta calma e di questo avrebbe dovuto dartene atto, se fosse stata una persona un tatinello più intelligente. Voglio sperare per lui che non sia sempre così nel suo lavoro, ma che magari abbia agito così perchè c’era qualcosa che non andava (come ad esempio una verifica del suo modus operandi, che, per dire, lo ha spinto ad essere così “invadente”, diciamo).
    Già è difficile scegliere una casa in cui vivere da soli, anche se solo in affitto, figurarsi fare un investimento del genere. E’ decisamente una cosa importante e non è che vedere 3-4 case basti a decidere. Ci sono mille cose da valutare e la scelta deve essere fatta in totale serenità, non con l’ansia di una telefonata o appuntamento in ufficio allucinante.
    Spero che nella tua ricerca possa avere più fortuna la prossima volta.
    Buona domenica Alessio

    • Io credo che vedendomi così calmo abbia agito in quel modo apposta per mettermi pressione, come “strategia di marketing”…c’è da dire che con me ha fallito, quindi dovrebbe rivedere un po’ il suo modo di lavorare.
      Come dici tu è difficilissimo trovare la casa giusta, perché le cose da valutare sono davvero tante (la zona, il piano, il costo della casa e delle spese, i lavori eventuali da fare – sia per ristrutturarla dentro, sia quelli da mettere in conto se la facciata è tutta a pezzi, ad esempio, se ha l’ascensore, la vista dai balconi) e trovarne una che abbia tutte le caratteristiche cercate (o almeno buona parte di esse) è davvero TANTO difficile.
      Comunque ho trovato la casa giusta! Questa settimana firmo il compromesso e a breve sarà mia 😀
      Grazie, buona settimana!!!

  3. AH AH AH Questo è un comico, anzi il classico venditore porta a porta!

    “ALESSIO PARLIAMOCI CHIARO. IL TUO SCOPO QUAL E’: COMPRARE CASA O GUARDARE CASE?”.
    “Comprare casa”. “AH ECCO, PERCHE’ NON MI SEMBRA.”

    Cioè, secondo lui c’è gente che va in giro a perdere tempo a vedere case, tra l’altro neanche da sogno visto che non penso in C. Racconigi ci sia appartamenti stile Crocetta o Collina.. mah, che odioso.. d’altronde lui non guadagna se non vende.

    Ma davvero poi non s’è fatto più vivo? No, perché anche se l’hai bloccato, magari conosceva il tuo cognome o altro.. Beh, meglio così!

    • Infatti mi sono stupito…in verità avendolo sul cellulare era entrato in automatico nella lista dei contatti whatsapp, mi ha stupito che non mi abbia contattato lì. Alla fine mi ha mandato un sms circa due settimane dopo con scritto “La casa di corso Racconigi è stata venduta, se stai ancora cercando e hai piacere contattami” (e siccome non ho piacere è stato l’ultimo sms tra noi due, ahah).
      p.s.
      Grazie per la visita!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...