Film demmerda 1: Il grande e fo**uto OZ

Questa non sarà una recensione del film, quanto uno sfogo. Contiene SPOILER, che invito tutti a leggere in modo da non andarlo a vedere. LEGGETE GLI SPOILER o non lamentatevi di aver buttato 7 € del biglietto per questa CAGATA COLOSSALE.

Tutto inizia il giorno in cui ne vedo il trailer al cinema e penso: “Woow che figata! Che effetti speciali, quanti elementi fantastici!!! DEVO ANDARLO A VEDERE APPENA ESCE”. Già solo l’idea della bambina di porcellana e il fatto che sia una rivisitazione di quel bellissimo film che è “Il mago di Oz” bastano per convincermi, così vado.

Il film inizia con una parte in bianco e nero che racconta del mago che lavora in un circo e – ovviamente – utilizza dei trucchi per impressionare gli spettatori. Il fatto che ci sia una parte in bianco e nero è il primo inganno, in quanto ci fa pensare che il film abbia davvero stile. Ed è così almeno per i primi cinque minuti.
Un giorno, senza apparente motivo (o almeno, devo essermelo perso), un omaccione forzuto che lavora nel circo si incazza col mago che, per scappare, sale su una mongolfiera; un tornado la centra in pieno e lo trasporta in quella merdosa landa di Oz.

Qui viene accolto da una strega gnocca e psicopatica, vestita stile Queen Elizabeth, che gli dice “SEI IL MAGO DELLA PROFEZIA!!! SEI TU!!! CI SALVERAI TUTTI” e lui, cosciente di essere al massimo capace di pelare le patate senza tagliarsi, finge e dice: “sì, sono proprio io”.
Nella scena successiva, dopo essere scampati ad un breve inseguimento da parte di un gargoyle  parte una musichetta romantica, i due si baciano in modo appassionato, lei gli dice che lo ama e lui se ne esce con una frase del tipo “prima ho avuto solo una gran paura che ti potesse accadere qualcosa”, detto come solo quelli di SENTIERI sanno fare, tempi verbali compresi. Notare che conosce la tizia da quattro minuti.

La parte successiva è scorrevole: i due incontrano una scimmia orribile con le ali che tenta di emulare gli occhioni dolci del gatto con gli stivali di Shrek ma senza riuscirci (ve l’ho detto, è orribile), il mago la salva da una tigre che se la vuole mangiare e arrivano alla città di Smeraldo, in cui fanno conoscenza della seconda sorella gnocca, questa anche in possesso di un principio di buongusto nel vestirsi.

Il mago viene esortato ad uccidere la strega cattiva, che si trova oltre la foresta oscura, ma prima di arrivarci il nostro gruppetto preferito attraversa una città di porcellana in cui salva una bambina altrettanto di porcellana (unico pezzo che mi sia davvero piaciuto del film). La scimmia, che viene incaricata di portare la pesantissima borsa del mago, passa dal trascinarla a forza, al tirarla su abbracciandola per poi cadere a terra esausto, al portarla volando. Che ne abbia lanciato in giro il contenuto senza farsi notare?

Insomma, i tre arrivano alla FORESTA OSCURA. Ora, se fai una sezione in cui c’è una foresta del genere,  che già è originale quanto i vestiti Dolce & Gabbana made in China, dovrai darle un MINIMO di spessore, suppongo. E invece no.

I nostri amici (anzi, VOSTRI, miei di certo no – tolta la bimba di porcellana) entrano nella foresta e dietro di loro agli alberi spuntano gli occhi. Loro si girano e gli occhi scompaiono. Si rigirano, gli occhi rispuntano, si girano ancora e scompaiono. Classica scena comica già vista altre volte. Dopo essersi accorti degli alberi occhiuti, e aver quindi capito che il bosco è maledetto, si mettono a correre. Fine del bosco, due minuti esatti di film. Strada percorsa: tre metri totali.

Al limitare della foresta c’è la strega cattiva, che a sorpresa si scopre essere buona (è la terza sorella, esiliata dalla seconda – che è realmente quella cattiva). Arrivano i gargoyle e la strega buona fa alzare la nebbia, si mettono tutti a correre come dei pazzi (roba che i gargoyle per non riuscire a prenderli si son dovuti prendere un caffè nel mentre) e i ricordi dei b-movie tornano freschi alla mente.

Tagliando corto, i Vostri tornano alla città di Smerdaldo, dove al mago ne vengono presentati gli abitanti. Qui vorrei sottolineare che, in modo molto originale, tra gli abitanti ci sono dei tizi alti alti, che aprendo l’impermeabile si scopre essere 3-4 nani messi in fila uno sopra l’altro. Inutile dire che, se avete visto “Biancaneve e il cacciatore” (con la scema di Twilight) o “Biancaneve” (quello con la Roberts), avrete già visto la stessa cosa e soprattutto NE AVRETE ABBASTANZA DI NANI. Inoltre, il fatto che si mettano a ballare e cantare non depone di certo a loro favore.

Nel mentre la prima sorella, quella che si veste da non vedente, viene trasformata dalla sorella cattiva in un mostro verde. Diventa la strega di Oz del film originale, insomma, e la trovata sarebbe anche carina se non fosse che il trucco sia fatto col pongo: quella pelle verde liscissima e luccicante è un qualcosa di imbarazzante per quanto sia fatta male.

Detto questo, e tagliando parti inutili, nel finale il mago di Oz riesce tramite dei macchinari a lanciare dei fuochi d’artificio sulle due sorelle cattive, terrorizzandole.
Mentre la donna pongo scappa in preda al panico, l’altra si scontra con la strega buona, che riesce a strapparle di dosso il medaglione di Smeraldo, senza il quale diventa una vecchia orribile.

Immancabile la scena da film GIRATO IN CASA della vecchia bruttissima che salta giù dal balcone e muore, con delle riprese che rendono il tutto assurdamente ridicolo.

Dopo tutto questo insieme di pacchianate senza senso IL FILM FINISCE, ovviamente col lieto fine, che più lieto di così non potrebbe essere già solo per il semplice fatto che SEGNA LA FINE DI ‘STA GRANDISSIMA MERDA.

Annunci

20 pensieri su “Film demmerda 1: Il grande e fo**uto OZ

  1. LOL, direi che non ti è piaciuto! 😆
    Io l’ho trovato carino… niente di che, ma godibile, colorato e divertente. La regia di Raimi mi piace, ma la storia è obiettivamente una stupidata.
    Scusami, ma l’hai visto in 3D? Perché ha il 3D più bello che abbia mai visto finora (e lo dico da NON fan del 3D): in alcune scene sembrava proprio di entrare nel film. L’opening era da applausi.
    in 2D secondo me questo film non ha senso… infatti penso che le recensioni positive che ha ricevuto fossero quasi unicamente per gli scenari e il 3D. 🙂
    Ciao, buona giornata!

    • Nono, l’ho visto in 2D appunto…non c’era nemmeno il plauso per quello xD Però buono a sapersi, ho visto vari film in 3D e mi son perso l’unico per cui valeva davvero la pena ahahha
      Ciao buona giornata anche a te! 🙂

      • Ah, ecco… volevo ben dire! 😄
        Eh sì, questo film era assolutamente da vedere in 3D. Sul serio, è l’unico film che abbia visto finora per cui sento di dover lodare il 3D (che finora non mi è piaciuto granché in nessun film, di solito mi disturba la visione): in alcune scene era impressionante, mi sembrava di essere tornata bambina! 😀
        Visto in 2D per me non ha proprio senso. Cioè, sarebbe il prequel dell’Oz originale… ma è un filmetto senza pretese, con una storia veramente sciapa.

      • La scimmietta era bellina, la bimba di porcellana adorabile… la strega era sempre di pongo verde, lol! Il didò, quanti ricordi! 😄
        L’hanno fatta quasi uguale alla strega del film originale, però.
        Ah, ti ho appena votato 5 stelline perché questo post è veramente spassoso, bravo! 😆
        A presto. ^_^

  2. io resto convinta che se un film è di merda, lo sia anche nella versione 3D!
    Anche perchè qui, cosa fa schifo, è proprio il film in sè! se anche vedo la scena della foresta in 3D, sì, ok, magari piùffffiga come effetti, ma la scena è sempre la stessa (e io almeno ho risparmiato quei pochi euro per ‘sta cagata!)
    Comunque anche noi volevamo vederlo, ma avevo letto essere ‘na mezza boiata e abbiamo lasciato perdere! 😛

  3. Bellissimi solo l’inizio, la citata bimba di Porcellana (che pure ci ha strappato più di una battuta) e il pre-finale con la strega che sembra davvero una delle megere de La casa.
    Il resto, da dimenticare.
    Speriamo che Raimi torni presto a fare horror.
    P.S.
    7 euro? Magari! Io ne ho dovuti sborsare 10 perché dalle mie parti lo proiettavano SOLO in 3D. L’inutile 3D.

  4. be se non hai capito perchè il forzuto si incazza e lo vuole uccidere forse dovresti rivedere il film … no vero? ok te lo dico io
    vede che sua moglie ha il carillon che il mago dava alle donne che si portava a letto quindi giustamente lo vuole riempire di mazzate

  5. Ho retto il film fino all’incontro con la seconda sorella nella città di Smeraldo per poi, abbastanza schifato e perplesso, lasciare perdere ‘sto filmucolo. Ci avevo visto bene, quindi, davvero non ne valeva la pena… 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...