E’ ORA DEL VAGISIL.

Insomma, chiediamocelo: chi di noi non ha visto almeno una volta negli ultimi mesi la pubblicità del Vagisil a pranzo o cena? Tanto solo a quell’ora la fanno.
Ecco, questa pubblicità non è solo geniale per l’argomento trattato, perché voglio dire…alla fine può capitare che pruda. Ci sono tante possibili motivazioni (e non ho intenzione di approfondire questo argomento), ma la cosa bella è come viene raccontato il problema:

“Se a volte il tuo problema è un fastidioso prurito intimo, non sentirti sola”.
No guarda tranquilla, se il mio problema è il prurito intimo al massimo mi sentirò frustrata, nervosa, debilitata, infastidita. Insofferente,  ma sola NO. Quella si chiama solitudine, e Vagisil non è il metodo migliore per combatterla.
Ripresa sulla signora, che è l’emblema della solitudine, seguita a ruota da una simbologia pazzesca: un triangolo rosso. Già, perché a sentire VAGISIL qualcuno forse ancora il triangolo non l’aveva considerato (e non parliamo di un triangolo amoroso, in questo caso), ed ecco che arrivano in aiuto i pubblicitari.
Ormai lanciati, e fieri di aver spiegato a chiare lettere COSA debba effettivamente prudere, si vede una mano che spalma sul triangolo un po’ di crema. Ditelo, che avevate pensato si spalmasse sul panino.

Nell’ultima pubblicità, che non è reperibile su youtube, si scopre che si è fatto un passo avanti: ci sono mamma e figlia sul letto, e la figlia dice: “Mamma, qualche volta ho un fastidioso prurito intimo” (ringraziamo che abbia aggiunto FASTIDIOSO, perché pensavamo fosse addirittura gradevole). La mamma dall’alto della sua esperienza decennale con Vagisil dice, con noncuranza: “succede anche a me” e, mentre imposta la voce, scandendo bene le parole “Io uso Vagisil crema”, tira prontamente fuori dalla tasca un tubetto della magica medicina, neanche fosse una rappresentante del prodotto. Ci mostrano nuovamente come si applica il tutto (triangolo-crema) quando la figlia, che era andata a prendere un sandwich, si sporge verso la madre e dice”E’ VERO, E’ PASSATO :)”.
Ormai basta consigliare il prodotto perché funzioni.

Ho pensato, quindi, di andare a controllare su Facebook cosa pensassero i clienti del Vagy. Ecco un sommario:

– Cindy ci fa sapere che è frustrata: “Diamine. Lo uso giorno e notte, ma non riesco mai a sbarazzarmi della puzza e del prurito. C’è qualcosa di sbagliato in me?”. Beh, ecco. Forse abbiamo trovato una che la storia triangolo-crema non l’ha capita, e ci si fa i sandwich.
– Tommy (che pare uomo, ma non si può mai sapere) scrive: “Questa crema ha fatto puzzare la mia vagina come una chicken pie”. Gnam! Allora nel panino mi sa che ci sta bene per davvero.
–  Michaell conferma il tutto, dicendo “è buonissima nella pizza”
– Sylvia, che ne sa una più del diavolo, scrive: “Rende i miei gomiti davvero morbidi”.

Oh, scusate, devo scappare che ho le lasagne ragù e vagisil in forno, non vorrei si bruciassero

Frase del giorno
 Francy (seduta nei posti dietro, dopo che abbiamo parcheggiato la macchina): “Oddio…ma c’è coda?”

Annunci

2 pensieri su “E’ ORA DEL VAGISIL.

  1. La pubblicità del Vagisil è la scenetta meno tragica a cui mi è toccato assistere all’ora di pranzo. Vogliamo parlare delle piccole perdite di urina? Perchè noi donne dobbiamo essere sempre dipinte come delle debosciate incontinenti e pulciose? -.-‘

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...