Come distinguere verde e marrone

Argomenti di oggi:
-Occhi marroni
-I miei 5 libri preferiti

Stavolta ho deciso di fare interventi decisamente più “seri” rispetto al solito…prometto che non lo faccio mai più! 😛

Occhi marroni

Qui c’è da fare chiarezza sul colore degli occhi. In fondo non dovrebbe essere una cosa tanto difficile, no? E INVECE SÌ.
Davide mi conosce da più o meno 9 anni. L’altro giorno ero vestito con pantaloni, scarpe e giacca di colore marrone.
Arriva e mi fa: “Sei perfetto, giacca marrone, pantaloni marroni, occhi marroni..cosa vuoi di più?”.
Cosa voglio di più? Che tu cerchi di capire entro i prossimi 15 anni di che colore ho gli occhi, magari!

VI SEMBRANO MARRONI? Si capisce meglio dal vivo, ma sono VERDI. Nota: non fatelo a casa. Nella foto precedente avevo dimenticato il flash acceso e sono entrato in coma per 15 minuti.
(n.b.: li ho photoshoppati per sbiancarli, ma il colore è quello!)

Due giorni fa eravamo al pub io, Manu, Anto e un coinquilino di Manu (chi ha detto DOLLY?). Non mi ricordo come, Anto tira fuori il discorso “colore occhi”, allora ne approfitto per fare la prova con l’essere coinquilinante. “Di che colore sono i miei occhi?”
Mi guarda per bene…ci pensa..”Non so…è un colore strano…aspetta…”.
Mi sposto sotto alla lampada, in modo che non ci siano dubbi.
Risposta: “Sono marroni”.

Facciamo una cosa, vi do un semplicissimo metodo per capire i colori. Il verde è quello della muffa. Il marrone quello della cacca. Se non sono questi due colori è azzurro.
Quindi, per favore, evitate anche il rosso. non ci sono umani con l’iride rossa.

I miei cinque libri preferiti

Quest’idea mi è stata lanciata da Antonio & Sofia, del blog http://www.albardellosport.net/. Iniziamo!
E leggete le trame che ho messo, non fate gli sfaticati 😛 Sono le otto di mattina, non pretenderete mica che commenti anche i libri, vero??????

1.La notte del Drive-In – Joe R. Lansdale
Immaginatevi il piú grande drive-in mai esistito: l’Orbit. Siamo in Texas, è un venerdí sera e l’Orbit è stipato di gente che sgomita per popcorn e Coca-Cola,
pregustando la Grande Nottata Horror. Ma sul piú bello, il drive-in stesso si trasforma in un film dell’orrore. Con gli spettatori come involontari, esterrefatti
protagonisti.  Dove sono finite le stelle? Perché chi si avvicina ai confini del drive-in muore orribilmente? Nell’Orbit trasformato in lager una folla instupidita,
imbarbarita,  è costretta  per settimane a nutrirsi di schifezze e vedere senza interruzione La notte dei morti viventi, sotto la sferza del mostruoso Re del Popcorn, sintesi
di tutti gli orrori dell’ossessione al consumo. Drive-in ha un seguito in Drive-in 2, dove vediamo i personaggi sopravvissuti aggirarsi in un paesaggio irriconoscibile: dopo
l’Orbit e i suoi dèi dementi qualcosa è definitivamente cambiato, sul pianeta Terra.

L’ho trovato a dir poco fantastico! Penso che la trama da sola basti ad incuriosire..è un sogno ad occhi aperti, fatto di personaggi stranissimi e vicende ancora più surreali..da leggere assolutamente!

2. La notte eterna del coniglio – Giacomo Gardumi
  Un’inaspettata apocalisse distrugge la razza umana e trasforma la terra in un pianeta morto. Sopravvivono quattro piccoli nuclei familiari, rinchiusi in minirifugi
atomici nella città di San Francisco. I superstiti possono comunicare tra loro grazie a un trasmettitore satellitare. Improvvisamente gli occupanti di uno dei rifugi
cominciano a sentire dei colpi battuti sulla porta, come se qualcuno volesse entrare, benché la telecamera che inquadra la superficie riveli chiaramente che nessuno si è
avvicinato. Gli avvenimenti misteriosi si moltiplicano, finché un coniglio rosa penetra nel rifugio e compie un orrendo massacro. Gli altri membri del gruppo si rendono
presto conto che il coniglio è solo all’inizio della sua missione di morte…
    

   Nessuno è curioso di sapere come mai c’è un coniglio rosa che uccide la gente?

3. Il giovane Holden – Salinger
     Sono passati cinquant’anni da quando è stato scritto, ma continuiamo a vederlo, Holden Caufield, con quell’aria scocciata, insofferente alle ipocrisie e al conformismo,
lui e la sua “infanzia schifa” e le “cose da matti che gli sono capitate sotto Natale”, dal giorno in cui lasciò l’Istituto Pencey con una bocciatura in tasca e nessuna
voglia di farlo sapere ai suoi. La trama è tutta qui, narrata da quella voce spiccia e senza fronzoli. Ma sono i suoi pensieri, il suo umore rabbioso, ad andare in scena.
Perché è arrabbiato Holden? Poiché non lo si sa con precisione, ognuno ha potuto leggervi la propria rabbia e assumere il protagonista a “exemplum vitae”.
  

     Non fate l’errore di pensare che, solo perché questo libro è considerato un “classico”, sia anche difficile da leggere e pesante: non è così ! E’ scritto benissimo, e il
protagonista è molto interessante. Ad essere sincero non me lo ricordo più molto bene, l’ho letto circa 6-7 anni fa, però mi ricordo che è uno dei libri più belli che abbia mai
letto.

4. Tutti giù per terra – Culicchia
     Attila e Zazzi hanno quattordici anni e sono amici per la pelle. A prima vista non si direbbe. Sono diversi in tutto: il carattere, le famiglie d’origine, il loro sguardo sul
mondo. Attila è un Charlie Brown che sogna spesso a occhi aperti, con un padre assente, una madre bigotta, una sorella che se n’è andata a Milano e un nonno
anarchico un  po’ bizzarro ma con qualche lampo di saggezza. Francesco Zazzi detto Franz invece è sguaiato, aggressivo, dichiaratamente fascista, incontrollabile negli
slanci che punteggiano le sue giornate, sempre sopra le righe ma anche profondamente libero. A unire i due ragazzi c’è solo un’amicizia profonda e indissolubile, di
quelle che possono nascere solo a quell’età.
    

I due personaggi presenti nel libro sono fantastici! Da leggere anche solo per il capitolo in cui Zazzi, nel tema sul “volgare”, si mette a parlare di una “certa” parola..

5. Ma gli androidi sognano pecore elettriche? – Philip K. Dick
     Nel 1992 la Guerra Mondiale ha ucciso milioni di persone, e condannato all’estinzione intere specie, costringendo l’umanità ad andare nello spazio. Chi è rimasto sogna
di possedere un animale vivente, e le compagnie producono copie incredibilmente realistiche: gatti, cavalli, pecore… Anche l’uomo è stato duplicato. I replicanti sono
simulacri perfetti e indistinguibili, e per questo motivo sono stati banditi dalla Terra. Ma a volte decidono di confondersi tra i loro simili biologici. A San Francisco vive
un uomo che ha l’incarico di ritirare gli androidi che violano la legge, ma i dubbi intralciano a volte il suo crudele mestiere, spingendolo a chiedersi cosa sia davvero un
essere umano. Il romanzo che ha ispirato Blade Runner
.


Ammetto di non aver ancora finito di leggerlo, anche se sono a più della metà. Vi dico una cosa: Io ODIO il genere fantascientifico, e amo questo libro, che è appunto di
fantascienza. Ti prende dalla prima riga e non annoia! Consigliato a tutti i NON amanti del genere 😉

 Conversazione di ieri su Messenger con Ianu:

 

Ianu says: nn gli piace usare le armi.. è pacifista, mio papà
Ianu says: tiene direttamente coltelli lunghi 1 metro
Ianu says: quelli x tagliare le palme
Ianu says: sembrano motoseghe
Ianu says: a un finanziere ha detto…SI TOLGA LA DIVISA CHE LE ROMPO IL CULO!
Ianu says: circa un anno fa
Ianu says: dà del lei…educatissimo

Annunci

5 pensieri su “Come distinguere verde e marrone

  1. grasieee XDDDDDDD
    Comunque…magari il tuo amico è daltonico…gli hai mai fatto fare quel bel test ke gira su internet (quello che ti propone due o tre VERI test per daltonici, chiedendoti di individuare un dato numero in mezzo a una schiera di puntini di un colore simile. L’ultimo test, invece, ti propone un’immagine con dei puntini multicolore messi alla cazzo, e ti dice di cliccare “QUI” per la soluzione…però appena clicchi c’è la sorpresina ;))? Purtroppo non ho il link da darti…
    MUHAAUAHAUHAH, sn una genia del male…:)

  2. Avevo già letto ieri sera, mentre aspettavo che il mio “stream of thoughts” mi portasse a scrivere qualcosa di buono.. E’ fantastico il libro del coniglio assassino! ahahah, lo devo avere!
    E poi..oddio..questa signorina sembra piu’ che altro una “donna di facili costumi” per come è conciata :).. ma la domanda piu’ importante..
    CHE BEGLI OCCHI AZZURRI I TUOI ! 🙂

  3. BoIa!!tu rischi di farmi venire un infarto!!la smetti co sti commenti così lunghi??muahahaahahahahahahhahahah..[che li commento a fare i post ormai??non c’è più sfizio..ghgh]..comunque..più passa il tempo..più ho una voglia matta di conoscere Manu..O___o..quanto ai libri..Il Giovane Holden è un capolavoro secondo me..[altro che ‘classico’..]
    *ero ad un incontro con tutte le scuole di caserta e provincia..per questo eravamo in tanti…..doh!ho svelato il mistero!..XD*
    penserei più che altro alla signora bionda che mi rimane a bocca aperta più che alla ragazza..ghgh..adioZ!

  4. Non me l’avevi detto all’uni che avevi aggiornato il blog (ps sono il mitico nico dalle parentesi a batman …… ultimamente non mi vengono più dannazione xD)

    Allora e’ bello il libro delle pecorelle che ci hanno dato a CVS mi sa che lo prendo
    anch’io ^^

    Ps Dopo tutti questi mesi che leggo il blog ho lasciato un commento :O
    sarà il caldo che inizia a darmi alla testa xD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...