21/01/2007

Brutti programmatori da 2 soldi di MSN Spaces, ora ditemi:
– Non riesco ad aggiornare usando Mozilla
– Non riesco ad aggiornare usando Explorer
– Ogni tanto non funziona lo Space
– C’è chi ha problemi di visualizzazione degli aggiornamenti

mi sembravano già abbastanza come problemi, no? E invece ora non posso nemmeno più mettere la musica. E due palle!

Bando alle ciance, cosa scriverò oggi? Sono pieno di cose da scrivere 😛 Prima di tutto vi parlerò del modo migliore per divertirsi: andare a Le Gru con Davide, un mio amico (per chi non lo sapesse, Le Gru è un centro commerciale moolto vicino a Torino). Poi parlerò del mitico Manu e del suo inglese a dir poco PERFETTO (E io sono Babbo Natale)..e c’è un bellissimo aggiornamento riguardante l’equipe specializzata! Leggete tutto d’un fiato, su!

E non perdetevi la frase alla fine, Serena ha dato il meglio di sè 😉

A Le Gru con Davide (AIUTO!)

Andiamo con la sua macchina. Percorriamo la via che fiancheggia i parcheggi, quando sul marciapiede notiamo una signora con in mano un catalogo dell’Ikea. Davide, convinto che sia uno di quei cartelli con su scritto “Datemi soldi, ho marito e figli da sfamare ecc. ecc.” abbassa il finestrino e le urla: “NON TI DO NIENTE!!!!!!!”.
Io scoppio a ridere, la signora fa per buttarsi disperata nel traffico e proseguiamo.
Arrivati alla curva del parcheggio, un signore con la barba incolta e tre buste della spesa cammina per strada; Davide tira giù il finestrino e urla: “NON DO NIENTE NEMMENO A TE!!”.
Mi giro verso di lui e gli dico: “Guarda che era un cliente dell’Ikea!” e lui: “E che ne so, a me sembrava un barbone…”. Appena detta la frase, mezzo incazzato, si gira verso una signora che stava parlando col marito a bordo strada e, mentre va avanti con la macchina, le urla: “STRONZA!!!!!!!!!!!!”.
Mentre penso alle 3 povere persone che abbiamo appena passato, parcheggiamo ed entriamo a Le gru.
Raggiunta una delle tante scale mobili, la sorpassiamo, mentre di fronte a noi arriva una ragazza carina. Starni dice: “Non sei niente male, sai?”. Appena lo dice (e nemmeno tanto forte) quella si gira a guardarlo.
La sorpassiamo e da lontano arriva una signora. Davide mi fa: “Sai, è da tanto che non vado a….” la signora ci viene vicino e lui le urla in faccia: ” LE GRU !!!!!!!!!!”.

Davanti a noi si parano due vecchiacce…ehm, due adorabili vecchine, che praticamente ci sbarrano la strada. Appena riusciti a superarle Davide dice ad alta voce: “E LEVATEVI DALLE PALLE!”.

Dopo un giro nei negozi di interesse (che ormai conosciamo a memoria), saliamo sulla scala mobile per uscire e dalla parte opposta si avvicina una ragazza, con dietro sua madre. Man mano che si avvicina Davide ripete: “Mmmm ci farei un pensierino con te..sìsì ce lo farei proprio..” la ragazza gli arriva di fianco, lui fissa la madre, poi lei (che sembrava carina solo da lontano) e dice ad alta voce: “SCHERZAVO!”.
Ho aggiunto una nota al mio taccuino, che già conteneva:
-Evitare di vedere i film horror con Manu

e ora:
-Evitare di andare a Le Gru con Davide. O almeno fare finta di non conoscerlo 😛

Manu e l’inglese perfetto

Questo intervento è abbastanza breve. Bisogna riscontrare alcune pronunce sconosciute ai più, persino ai madrelingua inglesi..pensate!!!

-Puzzle Bobble. Una persona normale leggerebbe “Pasol Babbol”, Manu no. Lui legge “Puzzle Bubble”, così com’è scritto.
– Watermelon. Dovrebbe significare “anguria”, mentre grazie ad un attento Manu abbiamo scoperto che è, semplicemente, un melone immerso nell’acqua.
– Answer: Da pronunciare, sempre secondo Manu, Answser. E vi sfido a riuscirci.
– True. La pronuncia perfetta vorrebbe che il suono venisse una via di mezzo tra “true” e “frue”, e dopo un insistente Manu che ripete True con una T che rompe i vasi di porcellana, Antonella per spiegargli il concetto gli dice: “Frue”. Manu, dimostrando di aver capito (Ma non ne avevamo dubbi, eh), dice: “TRUF”. Anto, ridendo, gli dice: “MA NON E’ MICA UNA VIA DI MEZZO TRA QUELLO CHE DICO IO E QUELLO CHE DICI TE!”.
– Emoticons. Come le legge Manu? “Imoicons”. Eggià.

Il bambino di m…. del Mulino Bianco

Penso l’abbiate vista tutti, quella pubblicità orrida.
Siamo in un panificio, il panettiere impasta con cura il preparato per il pane. Lo divide in pezzi, accuratamente, e prepara una morbida forma di pane. Lo ammira, ammiccante, pensando a quanto verrà buono e a quanto è stato bravo nel farlo.

Arriva lui, il bambino fottuto. Fissa il pane, con sguardo strafottente, e cosa fa? Ci ficca un dito dentro.

Il panettiere, col cuore in frantumi, lo butterà….

E INVECE NO. Lo inforna.
Un giorno il bambino stronzo si siede a tavola, con l’acquolina in bocca.
Apre il pane e lo trova bucato. La forma di un dito. Spunta una nuvoletta di fianco alla sua testa e si vede la scena del panettiere che gli fa un gestaccio, dicendo: “ORA TE LO MANGI, COGLIONE!”.

Risultato: Ogni volta che compro pane Mulino Bianco, mi appresto ad aprire la confezione e parte la musichetta da film horror. Non ce la faccio, è più forte di me.

Il ritorno delle domande intelligenti

E ci mancavano le domande di Andrea. Chi se lo ricorda? E’ uno dei miei AMATISSIMI compagni di Università, quelli a cui Marzullo fa un baffo, perché se lui fa domande incomprensibili le loro risposte non sono da meno.
Il genio in questione arriva col caffé in mano e, mentre spero che gli vada di traverso, inclina un pò il bicchiere.
Mi guarda e dice: “Guarda che strano…qui davanti il caffé è più chiaro!”. Lo guardo male e gli dico: “MA VA? Davanti ce n’è di meno, è ovvio che sia più trasparente”. Lui mi guarda: “Nono, non è per quello, dev’essere strano questo caffè”.
Si gira verso gli altri miei compagni, che stranamente danno ragione a me…come faccio ad essere così intelligente? Do risposte a cose veramente impensabili…….

…..

AIUTO!

Equipe specializzata – parte 3

Per fortuna che è tornata l’equipe.
Sciami di gente incapaci di installare un programma o di creare una cartella possono finalmente dormire sonni tranquilli.
Tranne il “gestore” dell’equipe, che si è beccato la terza presa in giro (come sono educato..non ho mica detto presa per il culo, eh. Ops l’ho detto.)
La foto di questo magnifico sfottò è qui, andate subito a vederla!!!!

http://img266.imageshack.us/img266/9168/immag013ih9.jpg

Volendo potete trovarla anche tra le Flickr Photos in basso, scegliendo “More Photos”.
C’è veramente da ridere..

Brigid (la vecchiaccia da cui stava Serena in Irlanda): “Selina, I cooked this wonderful cheese cake with onions only for you! And don’t forget to put the salad in the microwave! Enjoy with my CLEAN kitchen’s floor” (n.d.a. il pavimento della cucina di Brigid era tanto pulito che sembrava ci fosse la colla).
Serena: Brigid di merda devi rimanere attaccata a quel tuo pavimento del cazzo –> in english –> Oh, yeah…thanks for dinner
Brigid torna dopo mezz’oretta: “Selina, you’ve finished all the dinner! Compliments!”
Serena: “ma ancora qua stai? vecchia stronza vatti ad ubriacare di là, invece di star qua a rompere i coglioni –> yeah now i’m going to bed

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...