09/12/2006

Oggi vi voglio parlare di tre argomenti: le nonne rincoglionite (nel titolone sono stato mooolto più gentile coi termini *_*), pattinare e una strana coltivazione di pini. Col primo titolo non mi riferisco a TUTTE le nonne, ma alle mie due rimba, anche se non ho dubbi che il 90% del popolo nonnesco sia così…ho diviso in titoli così potete leggere il tutto a pezzi 🙂 E chi se ne frega?

Le nonne rimbambite
Le mie due nonne sono agli antipodi: la mamma di mio papà non fa altro che lamentarsi “Mi fa male la gamba” e “Mi fa male la schiena”, arrivando al “Mi uccido, che dite?”. E quindici volte alla settimana rompe le palle a mio padre “portami qui”, “portami là”, come se lui non avesse di meglio da fare. Per farvi un esempio, quando sono tornato dall’Irlanda, dopo tre mesi che non mi vedeva, mi ha abbracciato e poi mi ha fatto l’elenco dei suoi mali. Mica mi ha chiesto come è andata.
Dopo un lungo elenco di tutti i suoi mali, una volta è uscita la frase: “Mi uccido?”, tempo fa le dicevamo “Ma va, non dire stupidaggini!”.
Dopo qualche anno che dice sempre la stessa frase, ora le diciamo “fai fai”. Persino quando va dai dottori (almeno 2 diversi alla settimana), chiede: “Dottore, che faccio, mi uccido?” e i dottori le dicono: “Ma signora, non lo faccia che sono solo casini nell’organizzare il funerale e tutto il resto”. L’altro giorno, invece, il dottore da cui è anadata le ha descritto per filo e per segno come avere una bella intossicazione da farmaci. Per una volta che le danno corda non esegue, e allora che lo dice a fare?

La mamma di mia mamma è sempre arzilla, fa 324 viaggi in un anno e non rompe mai.
Ero a casa di quest’ultima e in TV c’era una pubblicità idiota del Grana Padano, in cui un ragazzo è nel mezzo di una festa di ricconi e c’è il formaggio. Una arriva e gli fa:”Grana Padano!” e lui, serissimo (p.s. gli sarà morto il gatto?): “Sì, ma voi siete solo grana”.
Lì per lì non avevo ben capito cosa volesse dire quel povero mongolo (e tuttora non so se l’ho intesa nel modo giusto), così mi è venuta un’ideona: chiediamo a mia nonna. “Secondo te cosa vuol dire ?” e lei: “Vedi, il ragazzo ha detto che è Grana Padano, che è buono perché è di marca”. Meno male che me lo ha spiegato.

La nonna rompi, invece, è proooooprio tenera…
Qualche settimana fa siamo andati a fare una grigliata con lei, i miei genitori e mio cugino con ragazza e genitori. Mentre stavamo mangiando, di fianco alla mia dolce nonnina c’era una coccinella e io dico:”Nonna, attenta che hai una coccinella di fianco, che se ti muovi la schiacci”. Lei si è girata verso la coccinella, ha alzato la mano in alto e l’ha schiantata sulla coccinella dicendo: “CREPA BASTARDA!!!”.
Che dolce nonnina.
Poi, dopo mezz’oretta le è andato qualcosa in testa, forse una cimice; si è tirata una manata in testa per schiacciarla e l’ha lanciata via, urlando: “AAAAAAAAAAA HO UN CANE IN TESTA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!”.

Pattinare pattinare oooohoohhh … ma dove?

Sapete quando vi vengono delle idee malsane, ma proprio tanto malsane. Quelle idee che non vi sarebbero dovute venire, che non portano nulla di positivo.
C’è chi le chiama anche idee di merda. Ecco, ad un mio amico (Emanuele) ha avuto una di queste idee, ovvero: andiamo a pattinare.
Che di per sè non sarebbe per nulla una cattiva idea, anzi ! Non aspettavo altro, visto che ho fatto pattinaggio agonistico per 6 anni!
Telefono al Palaghiaccio: occupato. Riprovo tutta la serata e tutto il giorno dopo: sempre occupato. Strano.

Telefono al Palaghiaccio che hanno restaurato ultimamente e mi dicono i seguenti orari, veramente COMODI e DISTRIBUITI IN UNA FASCIA ORARIA A DIR POCO INTELLIGENTE: Martedì e Giovedì: 14-16
Sabato: 9.30-11.45
Una varietà tale che eravamo proprio indecisi…il fatto è che l’idea c’era venuta giovedì pomeriggio, quindi la scelta si riduceva al sabato. Ma essendo uno dei pochi che non ha problemi a svegliarsi presto non si è concluso niente. Tutto ciò non sarebbe COSI’ assurdo se non venisse in mente che Torino ha avuto le Olimpiadi nel 2006 e sono stati costruiti o restrutturati tutti i palazzetti, per un totale di cinque:
-il Palazzo a Vela, per pattinaggio artistico e short track
-l’ Oval Lingotto, per pattinaggio di velocità
-Torino Esposizioni, per hockey su ghiaccio
-il Palazzo del ghiaccio di corso Tazzoli per allenamenti di pattinaggio di figura e short track e per aperture al pubblico con orari di merda (vedi sopra)
– il Palazzetto del ghiaccio di via Filadelfia per hockey su ghiaccio

Palazzetti aperti al pubblico? UNO, per sei ore e un quarto alla settimana. Non vi pare assurdo? I miei ieri sono andati a vedere l’altro palazzetto che mi dava sempre occupato e han detto che al suo posto ci sono degli uffici, ora.

Per assurdo c’erano più palazzetti aperti prima delle Olimpiadi che ora (due).
Meglio non chiedersi cosa faranno con gli altri palazzetti, che qualche lettore potrebbe non sopportare le bestemmie…Risultato: a pattinare non ci si va più. Al massimo si comprano i pattini a rotelle e si va al parco.

 

Una strana coltivazione di pini

L’altro giorno sono andato a casa di una mia amica e sono rimasto stupito da quello che mi ha raccontato.
Ci sono due fratelli, suoi amici, che hanno comprato i semi della marjiuana e li hanno piantati in dei vasi in casa. Ora le piante sono cresciute e sono da innaffiare. A chi hanno dato il compito? Alla mamma. Solo che la mamma non conosce la forma della pianta della marjiuana, allora ha chiesto ai figli cosa ci sia nei vasi. I figli le hanno detto che hanno piantato dei pini.
La cosa traumatizzante è che la mamma ci ha creduto, ed è convinta di innaffiare dei pini…che poi avessero la stessa forma.
E così tutte le volte i figli arrivano e dicono : “Hai annaffiato i pini?” e lei, tutta felice: “Sisì!!”.

Credo ci sarebbero delle cose da spiegare alla mamma, ad esempio:
1 – Che tipologia di pini sono quelli, visto che non hanno tronco nè foglie ad ago;
2 – Perché da un momento all’altro non ci saranno più i “pini”;
3 – Perché i suoi figli hanno messo a seccare le foglie di pino;
4 – Perché i suoi figli stanno fumando il pino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...