07/09/2006

 

7 Settembre 2006 – Giovedì

 

Ma quando finisce questa “vacanza” in Irlanda? Non ce la faccio piuuuuu’!
Stanotte ho sognato che i miei genitori mi dicevano: “Eh sì, è stato confermato che l’Università inizierà il 25 Settembre”. Io mi alzavo e mi mettevo ad urlare: “LO SAPEVO CHE NON DOVEVO VENIRCI IN QUESTA MERDA DI IRLANDA! HO SOLO PERSO TEMPO!!!”.
Fra pochi giorni avrò la conferma della data d’inizio…se sarà il 25 penso che il sogno si concretizzerà.

Come al solito in casa c’è la guerra madre-figlia (Ann-Sophie). Dopo che se ne sono andati tutti, Ann si sveglia e va da Sophie a dirle “Svegliati che devi andare a scuola”. Non so per quale motivo, dopo qualche scambio di parole la figlia si mette ad urlare, dicendo alla madre: “FUORI DALLA MIA CAMERA!!! FUORI!”. La madre prende e chiude la porta, che probabilmente sbatte addosso alla figlia (questo tutto supposto tramite suoni). La figlia la apre e le urla: “TU SEI CATTIVA SEI CATTIVA! MI HAI SBATTUTO LA PORTA ADDOSSO! PERCHE’ SEI COSI’ CATTIVA!!!” poi si mette a piangere e corre in camera.

Qualche minuto dopo Ann la va a chiamare, sempre calmissima, dicendo che arriverà in ritardo a scuola, la figlia arriva e, una volta fuori di casa, dice alla madre “Scusa mamma non volevo!!! Ero nervosa!”.

Tutto ‘sto casino per niente…chi la capisce???

Mi preparo il solito hot dog e il solito panino alla Nutella e vado a non far niente fuori casa (dicesi anche “andare alla Version 1”). E’ da ieri che di fianco a me c’è uno nuovo che ogni tanto mi fissa…ma cosa guardi? Cosa vuoi?

Dietro di me lavorano tutti come al solito, o almeno fanno finta in modo efficace. Ormai penso ci abbiano fatto l’abitudine, a vedermi su forum, siti, spaces….ah, ovviamente il lavoro che dovrei fare io è sempre ad un punto morto. Non lavora piu’ nessuno…mah.

A cena ci sono i fusilli con una salsa bianca che ha dentro carote e fagiolini…alla lunga è nauseante. Verso le 19 mi manda un messaggio Federico, chiedendomi se voglio uscire. Va beh, per questa volta usciamo! Delphine mi dice: “Dai, oggi scegli te cosa vedere, visto che ho sempre scelto io”. Ma disgraziata, me lo chiedi l’unico giorno che devo uscire? Pretendo lo stesso domani eh! Le dico: “No, stasera scegli te che io devo uscire”, lei prende il telecomando e tutta sorridente mi fa: “Non me lo faccio dire due volte!”. Gira su una trasmissione in cui parlano degli U2, che lei adora, e si mette a cantare a squarciagola…AIUTO!!! Sembra di essere alla Corrida…sto per prendere le pentole, per esprimere il mio apprezzamento come nella trasmissione, quando arriva uno degli irlandesi…forse quello col nome piu’ bello: COLUMN.
Parlo a voi, genitori di questo povero ragazzo: MA COME MINCHIA VI E’ VENUTO IN MENTE DI CHIAMARLO COLONNA? COME VI E’ PASSATO PER LA TESTA? CI VUOLE PROPRIO CORAGGIO! VA BEH CHE SIETE IRLANDESI, MA DAI…PENSAVO CHE ALMENO SUI NOMI!

Il povero Colonno (è maschio no? E poi è piu’ bello Colonno) si fa un the e ci versa mezzo litro di latte; diciamo che si fa il latte col the.

Verso le 20 esco; esce anche Iban perché deve trovarsi al Trinity College con i suoi amici. Mi trovo con Serena all’ O’Connell (pub vicino al Trinity), subito dopo arriva Riccardo. Federico è puntuale come al solito…
Arriva il professore che Serena ha a lezione (Darrell) con i suoi ‘alunni’…stasera sono tutti al pub perché è l’ultimo giorno di scuola per una delle Mauritius e un cinese.
Dopo un pò arriva anche iosonosemprepuntualeFederico e ci mettiamo a parlottare.
Andiamo al bancone, lui ordina una birra mentre io chiedo una Coca Cola. Il barista, arrogante, mi chiede la carta d’identità; io strabuzzo gli occhi, incredulo gli porgo il documento e lui, dopo aver controllato mezz’ora, mi dà la Coca Cola.
Federico chiede se anche lui deve mostrare la carta d’identità e il barista gli dice di no.
Cioè, io che ho preso la Coca Cola sì e lui che ha preso la birra no???
MA CON COSA RAGIONATE??? COL CULO??? NO!!! PERCHE’ RAGIONANDO COL CULO SARESTE PURE PIU’ FURBI DI COSI’!!! BRUTTE TESTE DI CAZZO!!!

Mi è venuto un nervoso che non potete immaginare…appena tornerò in Italia cercherò la “ricetta” per costruire una bomba atomica, così gliela piazzerò nel centro dell’isola, in modo da distruggere TUTTA l’Irlanda. Voglio tornare in Italia!
Possono dire tutto quello che vogliono, ma noi non arriviamo a questi livelli di idiozia!

Di fianco a noi ci sono altri italiani, della Calabria. Mi fanno morire dal ridere, perché si sente lontano un miglio di dove sono, hanno un accento fortissimo! Facciamo le solite chiacchiere (“cosa c’è di bello da vedere?” “NIENTE.” “Da quanto tempo siete qui?” “TROPPO.” E così via), poi usciamo.

Andiamo a casa, ma non prima di aver preso delle Pringles (io e Serena)…da quanto che non le mangiavamo!
A casa sento la solita lite tra Ann e la figlia Sophie. Stavolta sembra che gli amici di Sophie abbiano detto qualcosa ad Ann, ma non ho capito cosa…Sophie si mette a piangere come al solito e dopo 10 minuti ritorna il silenzio.
Parlo un pò con Iban, arriva Delphine a chiedere se avevamo sentito anche noi la lite tra madre e figlia…ma nemmeno lei ha capito cosa sia successo.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...